Home

CORSO SA1 - COLLE LANCE 16 feb 2014

E-mail Stampa PDF

E’ stata una di quelle gite che inizialmente ti fanno subito pensare che avresti avuto almeno altri 100 modi diversi per passare meglio la tua giornata ma, come giustamente ci ricordano i proverbi, la notte porta consiglio per trovare le giuste motivazioni e valutare positivamente anche i momenti più difficili della giornata;  io ne ho addirittura fatte passare dieci di notti, insonni, …  così mi sono già “portato avanti col lavoro” …

Abbiamo di nuovo oziato e partiamo di casa alle 7 e mezza (FIGO) tanto dobbiamo fare solo 60 km, ma riusciamo a mettere gli sci ai piedi solo dopo 3 ore  (ETERNO).

Questo tempo però è stato molto utile per approfondire e migliorare la nostra pazienza durante le attese (OTTIMO); è stato altresì utile per ricordarci che i pullman in salita vanno piano e non si fanno superare nonostante le lunghe code che creano dietro di loro (PESSIMO); inoltre le strade innevate finalmente ci permettono di collaudare le ultime tecnologiche “gomme termiche” che quando te le vendono sembra che al loro passaggio sciolgano la neve e ti si apra un varco come Mosè di fronte al mar Rosso, ma poi quando ti ritrovi su una strada ripida con 4 dita di neve e devi scendere a spingere, di termico rimane solo il sudore della tua schiena e il tubo di scarico che sputa gas proprio sotto il tuo naso (PESSIMO).

Quando partiamo nevica alla grande , quindi chissà cosa succederà al pomeriggio quando si intensificherà il peggioramento …!!! Ma chi se ne frega, oggi nello zaino abbiamo carta e bussola e faremo azimut tutto il giorno (FIGO). Qualcuno più fortunato riesce ad arrivare al colle con un pallido e sfottente raggio di sole … io sono arrivato al colle solo perché riuscivo con la bussola a traguardare la coda degli sci di chi mi precedeva e l’unico azimut che ho visto è stato quello dei piloni dei vecchi impianti quando ci ho sbattuto dentro una bella craniata che oltre all’azimut ho visto anche tutte le costellazioni (PESSIMO).

Tra una ripellata e una ricerca ARTVA la nevicata si è intensificata e quando infine ci siamo ritrovati tutti fradici marci anche sotto le nostre favolose giacche “goretex” (PESSIMO), contenti e felici di aver raggiunto il vero obiettivo della giornata, abbiamo deciso di scendere alle macchine per una bella birra fresca (OTTIMO), finalmente solo più tre ore di macchina e saremmo stati a casa.

E con questa sono 2 su 2 con la neve, ma dalla prossima si avvicinerà  la primavera e  sarà marzo … pazzerello , guarda il sole e prendi l’ombrello … FIGO !!!

 

alla prossima

 

darietto